Attività proposte

Piattaforma lavorativa

Atelier falegnameria:

Creazione di piccola oggettistica in legno ad uso domestico per la vendita al pubblico, esecuzione di mobili da giardino, palizzate, cancellate e altro. Escursioni nei boschi per la raccolta di materiale adeguato. Utilizzo di macchinari in sicurezza. Aspetti didattici di conoscenza dell’ambiente, sviluppo di manualità, creatività, progettazione e precisione.

Atelier giardinaggio e selvicoltura:

Mandati esterni di manutenzione giardini, sfalcio prati, pulizia sentieri, potature e taglio alberi. Conoscenze degli attrezzi e macchinari adeguati. Sviluppo di una conoscenza verso l’ambiente e rispetto per la natura, perseveranza e attitudine lavorativa.

Mandati esterni di pulizia sentieri e mulattiere di montagna. Conoscenze degli attrezzi e macchinari adeguati.

Taglio di legna da ardere per la vendita. Accatastamento e trasporto a domicilio.

Atelier cucina:

Attività mirata allo sviluppo di aspetti didattici di economia domestica e di igiene alimentare, oltre che a promuovere nell’utenza un diverso concetto di cura di sé. L’atelier mira a sviluppare creatività, senso pratico, efficacia e indipendenza lavorativa all’interno di un ambiente familiare. Si sviluppa attraverso diverse attività legate all’elaborazione di menù quotidiani basati su alimenti freschi, di stagione e in parte coltivati in proprio oltre che alla preparazione della tavola e al riordino dei locali di cucina.

Atelier creativo: 

Creazione di gioielli in legno adibiti alla vendita, sensibilizzazione al rispetto dell’ambiente attraverso il riciclaggio di materiale vario e il recupero di scarti di stoffa per la creazione di bracciali, borse, sciarpe, ecc. adibiti anch’essi alla vendita. Sviluppo di creatività, progettazione, capacità di ascolto e concentrazione, abilità manuale e utilizzo dei macchinari.

Atelier meccanica e riparazione bici:

Collaborazione con comuni e servizi sociali (SAE, assistenti sociali, ecc.) per il ripristino di biciclette, passeggini e carrozzine da donare a famiglie in difficoltà finanziaria. Sviluppo di doti meccaniche, sensibilizzazione verso altre realtà bisognose e meno agiate.

IMG_4408

Piattaforma educativa

Sport 

Attività fisica svolta all’esterno della struttura ed in collaborazione con il Centro sportivo di Tenero (CST), coordinate da un gruppo di maestri sportivi qualificati. Tali proposte hanno come scopo quello di promuovere nei partecipanti un ascolto maggiore del proprio corpo ed un senso di appartenenza al gruppo, oltre che di stimolare la nascita di un interesse verso una particolare disciplina e di allargare la propria rete di relazioni all’esterno della struttura.

 Uscite culturali

Attività svolte all’esterno della struttura e coordinate dal team educativo che mirano ad una maggiore conoscenza del territorio ticinese e della vicina penisola al fine di aumentare il bagaglio storico culturale di ogni singolo partecipante e vengono proposte al gruppo dei partecipanti al fine di favorire un senso di appartenenza e la messa in atto di dinamiche relazionali differenziate. Queste proposte avvengono in collaborazione con i vari servizi operative nei comuni limitrofi e prendono in considerazione il calendario di attività annuale. Relazionarsi con bambini, sviluppo di un proprio sé adulto, fungere da esempio educativo.

Campi di attività estiva e invernale  

Uscite a carattere educativo, culturale e sociale organizzate dal team educativo che possono svolgersi nell’arco di una giornata o con possibilità di pernottamento notturno in diverse località (città, mare, montagna, ecc.) a seconda degli interessi e delle richieste del gruppo di partecipanti. Attività volte ad un benessere psicofisico che facilitano l’osservazione di abitudini personali nei riguardi dei partecipanti messe in atto al di fuori di un contesto lavorativo e che hanno l’intento di veder aumentare in ognuno il controllo e l’autoregolazione nei confronti di atteggiamenti a rischio (disordine alimentare, alcool, droghe, ecc) .

Mercatino di Natale 

Appuntamento annuale. Attività di vendita di prodotti eseguiti nei diversi atelier lavorativi durante l’arco dell’anno e che valorizza attitudini manuali, relazionali e logico-matematiche. Tale attività è organizzata dal team educativo in collaborazione con i responsabili dei vari atelier (MSP) e i partecipanti alla misura, che permette un contatto diretto con la popolazione, promuove la conoscenza della struttura sul territorio e ambisce a limitare il più possibile l’emarginazione e l’etichettamento da parte della società nei confronti dei giovani inseriti nel progetto.

Mercatino ACSI 

Appuntamento mensile. Collaborazione con l’Associazione Consumatori della Svizzera Italiana (ACSI) basata sullo scambio di mobili, vestiario, bici, oggetti e accessori vari di seconda mano ma ancora in buono stato. Attività a carattere relazionale che mira a far conoscere la struttura alla popolazione locale, a sensibilizzare i giovani verso il concetto di recupero e riciclaggio oltre che di risparmio economico utile per limitare l’indebitamento finanziario.

Piattaforma terapeutica 

Attività diagnostica:

Nel corso della fase di Osservazione gli incontri individuali tra psicologo e utente sono rivolti principalmente a formulare una diagnosi rispetto alle problematiche psicologiche ed alle caratteristiche di personalità del soggetto fruitore del servizio. La diagnosi è condivisa con il partecipante al progetto e tiene conto degli elementi emersi durante questa prima fase di conoscenza ed eventuali ulteriori informazioni fornite dalla rete esterna (servizi psicosociali, psichiatri, terapeuti, ecc.).

Colloqui clinici individuali:

Momenti di incontro individuale tra il partecipante ed il terapeuta volti a fornire un sostegno psicologico ad orientamento psicodinamico.

Gruppo di parola:

Momento di incontro con tutti i partecipanti riuniti invitati ad esprimersi rispetto a vissuti ed emozioni suscitate dalla partecipazione alle attività del progetto o a particolari accadimenti interni od esterni.

Gruppo terapeutico:

Si avvale dell’utilizzo di tecniche di rilassamento con l’intento di permettere agli utenti una maggiore consapevolezza del proprio corpo, del livello di tensione e delle strategie esistenti per diminuirlo. Questo momento include anche aspetti formativi in cui vengono trasmessi i contenuti dell’Analisi Transazionale (modello teorico sul quale si basano gli interventi educativi messi in atto dall’équipe educativa) per permettere l’adozione di un linguaggio comune da utilizzare nelle comprensione delle dinamiche interiori e relazionali.

Musicoterapia:

Uso della musica e/o degli elementi musicali (suono, ritmo, melodia e armonia) da parte di un musicoterapeuta qualificato in un processo di gruppo atto a facilitare e favorire la comunicazione, la relazione, l’apprendimento, la motricità, l’espressione, l’organizzazione e altri rilevanti obiettivi terapeutici al fine di soddisfare le necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive. L’attività si svolge secondo moduli della durata di 12/14 incontri ciascuno.

Shintaido:

Questo termine giapponese significa “nuova via del corpo”. E’un’arte di movimento nata da un intensa ricerca, guidata da Hiroyuki Aoki, centrata sull’esplorazione degli ideali espressi da movimenti corporei essenziali,  di un singolo e di gruppo, e degli effetti che può avere la pratica di movimenti espressivi sulla sfera emotiva, intellettuale e fisica. Shintaido rappresenta una sintesi di espressione individuale e pratica meditativa. L’attività si svolge secondo moduli della durata di 12/14 incontri ciascuno.

Arteterapia:

L’Arteterapia consiste nella ricerca del benessere psicofisico attraverso l’espressione artistica dei pensieri, vissuti ed emozioni. Gli incontri sono condotti da un arte terapeuta qualificato e l’attività si svolge secondo moduli della durata di 12/14 incontri ciascuno.